Natale in Russia

Il Natale in Russia

La cultura russa-ortodossa festeggia il Natale osservando profondamente i valori spirituali ed in qualche caso “spiritici”. Sì, perché il fascino del Natale russo deriva da antiche tradizioni esoteriche, che in parte si legano al Natale, in quanto festa Cristiana. 

I russi ortodossi si preparano al Natale osservando un periodo di purificazione che consiste soprattutto nell’evitare tassativamente il consumo di carne ed alcolici. 

Secondo la tradizione russa questa astinenza termina in una data precisa, ovvero il 7 Gennaio, in cui si manifesta in cielo una stella che segnala la nascita di Gesù e quindi il Natale. 

La vigilia del Natale russo è quindi il 6 Gennaio e prevede una serata molto particolare, poiché si celebra al contempo un’antichissima festa chiamata Svyatki, basata su un rituale dal carattere esoterico e spiritico. 

Ecco quindi che le giovani donne addobbano una specie di altarino con candele e specchi, recitando una formula verbale che serve ad invocare l’immagine del loro futuro compagno di vita. La serata può continuare leggendo fondi di tè o caffè.

L’aspetto divinatorio rende il contesto del Natale, molto particolare. Si tratta di un vero e proprio rituale natalizio legato alla chiromanzia e all’antica cultura della divinazione. In questo senso, la sera di Natale ha ancora una valenza “magica”, non solo per quanto riguarda l’atmosfera e le decorazioni… 

La particolarità del Natale russo è legata quindi al valore spirituale, ed il senso del mistero carica l’atmosfera natalizia di fascino e significato esoterico. 

Durante la cena della vigilia, si svolgono alcuni rituali codificati e si consuma un pasto rigorosamente senza carne, pesce e alcolici. Devono esserci 12 pietanze diverse in tavola a simboleggiare il numero degli apostoli. Questo serve a ricordare che si sta svolgendo una cena cristiana, ed i commensali stanno “osservando la parola di Dio” e onorando la memoria degli apostoli. 

La cena ha inizio con una preghiera di Natale, che per tradizione deve essere fatta dal capofamiglia (uomo). Subito dopo la preghiera, la madre ha il compito di benedire tutti i commensali segnando sulla loro fronte una croce, dopo avere intinto le dita nel miele. 

Un’altra particolarità è legata al grande valore simbolico del Natale russo, è data dall’importanza che il miele assume in quanto alimento base del Natale: si usa per addolcire tutte le pietanze, anche quelle salate. Il miele simboleggia la gioia di vivere, la nascita, l’abbondanza e la dolcezza della vita in quanto dono.

 

Se volete conoscere altre tradizioni natalizie nel mondo leggete questo articolo: i cinque festeggiamenti di Natale più particolare nel mondo

Welcome to my world, my fashion world, hope you enjoy my adventures in life and in fashion.

Leave a Reply
Your email address will not be published. *